Skip to content

057. Giocare a nascondino tra le guglie del Duomo

2 agosto 2013

ore 8:00 – Ancora con gli occhi stropicciati decidiamo di farci un giro a Milano.
Parcheggio dietro le colonne di San Lorenzo e poi un giro fino al Duomo…
“Samu quello lì è il duomo!”
“altoooo”
“e sì… e ora andiamo su su suuuu fino in cima!!”Immagine

Un pò come Mary Poppins sui tetti di Londra guardiamo la città da un’altra prospettiva…
persone che sembrano piccioni, piccioni che sembrano formiche..

Immagine

…e tra un giapponese e l’altro si gioca a nascondino!

Immagine

Immagine

Beh, insomma… che dire… torno a casa più leggera!
Non certo per aver toccato il cielo dalla cima del duomo.
La verità è che Milano un pò mi manca, o meglio mi manca scendere da casa,
girare l’angolo e andare al cinema, dimenticarsi di avere una macchina…
uscire e fare due passi, prima noi due e ora noi tre!
Ma ho trent’anni! Siamo solo all’inizio…

056. Rovinarsi i polmoni a San Siro

17 agosto 2012

Una serata solo noi due. Allo stadiooooo!
Inter – Hajduk Spalato* (?)
Affascinata da questo strano mondo mi è quasi venuta voglia di aprire un blog “Vengo anch’io, sì io sì!”
Abbonamento allo stadio per un anno, io che di calcio non ne capisco nulla! E raccontare quello che vedo!

 
vedo un bambino di nove mesi che dorme tra le braccia della mamma e un anziano di ottantanni che si gode la partita, vedo un prato verde che nel nostro giardino ce lo sogniamo! Sento un adolescente alla nostra destra che grida ai calciatori come giocare ‘vi sembra così difficile fare un gooooooal???’. Vedo un signore, davanti all’adolescente, che vorrebbe mettergli un calzino in bocca per farlo tacere. Vedo l’amico dell’adolscente che un pò si vergogna….

 

Durante la pausa vedo omini con la forca in mano che sistemano zolle di erba, aaaah se venissero nel nostro giardinooo!

Vedo i soliti tifosi che esagano un pò… vedo cuscini firmati Inter per tifosi che non vogliono stare scomodi (ma daii!)… Vedo donne che non rinunciano nemmeno allo stadio alle loro scomodità! Sento così tante parolecce che mi viene un pò la nausea, credo che non ce la potrei fare per un anno intero…

 

* Hajduk Spalat è un club calcistico di Spalato, in Croazia, fondato nel 1911 a Praga, nell’odierna Repubblica Ceca.

 

E ora?

11 agosto 2012

La paura di non portare a termina questa scommessa l’avevo messa da parte ed ero partita a mille!
Un impegno costante che mi buttava fuori casa anche quando il divano chiamava “silviaaaa silviaaaa…”

E poi cos’è succeso?
… un piccolo miracolo stava crescendo nella mia pancia…
” e ora? Come fai con il blog”
“…. ma cosa vuoi che siaaaa! Ilary Blasi ha condotto le Iene con il pancione!”

ma ecco che durante la visita al museo alla Scala ho passato tutto il tempo a mangiare taralli contro la nausea e davanti all’Ultima Cena quasi svengo, e non certo dalla bellezza dell’affresco! Capisco che devo andarci piano…
e con l’aria un pò sconfitta abbandono il blog al punto 055!

Ma ora eccomi qua!
Questa volta senza scadenze! Basta corse contro il tempo!
… metti che poi arriva la sorellina?…

Vado avanti a tempo indeterminato, senza fretta… pubblicando punti fotografati più di un anno fa e abbandonati per sconsolazione in qualche cartella del computer e nuovi posti visti con gli occhi di una mamma!

055. Museo Teatrale alla Scala

28 dicembre 2010

La Piazza della Scala illuminata per le feste natalizie, vecchie locandine con biglietti da 15 lire, il calco della mano di Verdi e di Chopin, abiti di scena de Il flauto magico e La bella addormentata nel bosco, antichi libri in una grande biblioteca, il passaporto di Verdi… e la possibiletà di vedere l’interno del teatro La Scala (solo in caso non ci siano in corso prove o spettacoli)

054. Galleria Vittorio Emanuele

20 dicembre 2010

Stivali imbottiti, da ginnastica, decoltè, in cuoio, lucide, sportive, nuove o troppo usate, numero vent’otto o quarantatrè, di marca o comprate al mercato, quelle preferite, comode per camminare, scomode ma belle…
Si parte con i giri di valzer!

 

055. Il Duomo

15 dicembre 2010

In occasione della II edizione di LED, il Festival Internazionale della Luce di Milano 2010, ogni sera intorno alle 19:30 si spengono i lampioni in piazza Duomo e si accendono 68 lampadine per illuminare dall’interno le vetrate della facciata della cattedrale.

Uno spettacolo meraviglioso che incanta tutti, rallenta i movimenti, zittisce i passati, dona un’aria più raccolta intorno al simbolo di questa città.

 

…. da lontano certo è grande, ma più ti avvicini e mi appare enorme! Porte immense, sculture pazzesche, dettagli su dettagli… nella foto sotto a sinistra ecco la sirenetta! Nel libro si parla anche di Primo Carnera e di un ratto con la testa mozzata, ma no li ho trovati

Purtroppo dentro non mi piace… come entrare in un grande museo impolverato… dovrò rifare un giro…

053. Basilica di Sant’Eustorgio

13 dicembre 2010

Potete raggiungerla da Porta Ticinese, o meglio ancora dal parco delle basiliche… che meraviglia!
Guardate il campanile, sulla punta ecco una stella ad otto punte! Non una stella a caso, ma la stella dei Re Magi! Proprio in questa basilica si trova il grande sarcofago che un tempo conteneva le spoglie dei tre Magi (attualmente una parte delle reliquie si trova in una preziosa urna sopra l’altare dei Magi).

Nel corso della storia, prima della costruzione della basilica, questo terreno veniva usato prima come area cimiteriale (III-IV secolo d.C.,) e poi come chiesa paleocristiana (VI secolo). I resti del passato si possono ancora trovare sotto il pavimento della basilica e sotto l’abside.

Dietro all’abside si trova la colorata Cappella Portinari, dove venne sepolto San Pietro Martire protettore dell’emicrania. A tal proposito… soffrite di mal di testa? Il giorno 29 aprile è tradizione andare a dare una testata contro l’arca di San Pietro a Sant’Eustorgio per proteggersi dal mal di testa per tutto l’anno! Perché no?